THE BEATLES Rubber Soul

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da TRE » 13/07/2011, 23:17

continua la mia avversione per i beatles su album.
ci sono pezzi che non sopporto proprio.

mi tengo strette le mie due raccolte, la rossa e la blu [bye]

aggiungo comunque che le due raccolte le dovrebbero avere tutti in casa, un pò come la bibbia. prechè tutta la musica degli ultimi 40 anni viene da lì

Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8156
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Hairless Heart » 13/07/2011, 23:41

Penso che con Revolver tu possa almeno parzialmente ricrederti. Di questo disco nelle due raccolte c'è ben poco (Eleanor Rigby e Yellow submarine, vado a memoria) ma contiene perle di assoluto valore.
Comunque si, per chi non si vuole impegnare troppo, "the red and the blue" sono discretamente esaustive.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8156
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Hairless Heart » 16/07/2011, 0:16

Ah, lo stesso giorno dell’album esce pure un 45 giri registrato in quello stesso ristretto periodo, un singolo dal doppio lato A:
DAY TRIPPER



e WE CAN WORK IT OUT.



Tutto questo, composto e registrato in due mesi e mezzo.
Se qualcuno aveva dei dubbi che questi fossero una forza della natura….
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da TRE » 16/07/2011, 8:20

forse il mio problema è che la raccolta blu l'ho ascoltata talmente tanto che per me è un disco doppio a se stante, è un album a tutti gli effetti.

un album bellissimo e soprattutto di cui è facilissimo dedurre che sia la base della musica rock delle ultime decadi.

mettici anche la mia avversione per gli anni 60 ( doors e hendrix esclusi, mica sono scemo [smile] )

Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8156
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Hairless Heart » 16/07/2011, 15:31

Per curiosità, quali sono i pezzi di Rubber soul che non sopporti?
E quali, se ce ne sono, hai apprezzato tra quelli che magari non conoscevi?






-EDIT- ....non lo sapremo mai.....
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


Numb
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 16/12/2011, 14:45

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Numb » 16/12/2011, 16:07

L'inizio dell'ascesa verso l'olimpo della musica.

Avatar utente

The Rocker 85
Novellino
Novellino
Messaggi: 20
Iscritto il: 20/01/2012, 16:46

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da The Rocker 85 » 22/01/2012, 9:39

Numb ha scritto:L'inizio dell'ascesa verso l'olimpo della musica.
A dire il vero... Io credo che l'ascesa della musica (musica Rock?) fosse cominciata già con Elvis... Non a caso John Lennon era solito ascoltare Heartbreak Hotel fino alla nausea [smile]
Before you slep into... unconciousness... I would like to have another kiss....

Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8156
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Hairless Heart » 22/01/2012, 11:55

Intendeva l'inizio dell'ascesa per i Beatles.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da reallytongues » 25/01/2012, 16:35

Hairless Heart ha scritto:Track no. 5: THINK FOR YOURSELF.
http://www.youtube.com/watch?v=yXGSBgr8 ... re=related
Il primo dei due contributi di George Harrison a Rubber soul, finalmente ad un livello paragonabile a quello dei due capi. Amo da impazzire questa canzone, sarà forse per il suono, contraddistinto dal basso distorto suonato in aggiunta a quello normale.

Track no. 6: THE WORD.
http://www.youtube.com/watch?v=ivyih9hd ... re=related
“Say the word LOVE…..and you’ll be free”. Qui i Beatles anticipano di un anno e mezzo la “Summer of love” e se stessi (All you need is love).
Un brano di impronta blues, sorretto dalla ritmica del piano e dell’harmonium (suonato da George Martin). La firma è più di John che di Paul, ma si noti il lavoro di quest’ultimo al basso: non sarà John Entwistle ma è efficace come pochi.
tra le mie canzoni dei Beatles preferite in assoluto
Rubber Soul, White Album, Abbey Road gli album che apprezzo più dei Fab4
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1584
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da twoofus » 16/03/2017, 16:23

Hairless Heart ha scritto: Musicalmente, questo gioiellino acustico in 3/4 è il secondo tentativo di John di dylaniarsi (fa seguito a You’ve got to hide…. del disco precedente).
Ottima disamina di Hairless, come sempre d'altronde. L'unico appunto: quando hai citato Dylan a proposito di Norwegian Wood, mi sarei aspettato un accenno a Fourth Time Around.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8156
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Hairless Heart » 17/03/2017, 1:19

Troppo giusto! In effetti è una cosa di cui avevo sentito parlare, ma che non conoscevo a fondo.

Questo il pezzo.....



E questo ciò che dice wikipedia a riguardo:
4th Time Around è spesso indicata come la risposta di Dylan alla canzone dei Beatles Norwegian Wood (This Bird Has Flown), scritta da John Lennon e Paul McCartney per l'album Rubber Soul del 1965, poiché i due brani mostrano un testo e una melodia abbastanza simili. Norwegian Wood fu la prima canzone dei Beatles dove il testo aveva maggior peso della musica e che risentiva sensibilmente dell'influenza Dylaniana. Da allora 4th Time Around è stata vista sia come un gentile omaggio, sia come una satirica e acida parodia circa i tentativi di Lennon di emulare lo stile compositivo di Dylan. Lennon stesso espresse differenti opinioni in merito in diverse interviste tra il 1970 e il 1980. Inizialmente la intese come una parodia di Norwegian Wood, ma in seguito considerò la canzone di Dylan piuttosto come un omaggio. Inoltre, l'ultima strofa di 4th Time Around: «I never asked for your crutch / Now don't ask for mine» ("Non ti ho mai chiesto la tua stampella / Adesso non chiedermi la mia") fu interpretata da Lennon come un avvertimento diretto a lui da parte di Dylan che gli indicava di non usare le sue canzoni come una "stampella" sulla quale appoggiare il suo stile di scrittura.[1]

A confermare questa ipotesi, Al Kooper ricorda di aver fatto notare all'epoca a Dylan la somiglianza di stile tra il brano e la canzone dei Beatles e che lui rispose: «Veramente è Norwegian Wood che assomiglia molto a questa! Ho paura che loro l'abbiano presa da me, e sento che devo registrarla»
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1584
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da twoofus » 17/03/2017, 13:19

Perfetto. E la verità nessuno la sa.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1584
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da twoofus » 17/03/2017, 13:33

Hairless Heart ha scritto:Track no. 9: GIRL.


Se McCartney chiama, con Michelle, Lennon risponde con Girl (peraltro l’incedere è molto simile). Potrebbe parlare di una ragazza che ancora non conosce, e conoscerà un paio di anni più tardi.
Curioso il coretto, con un “tit tit tit tit” ripetuto (“tit” in inglese può voler dire tante cose, tra cui “tetta”).
Nel 1965 Lennon scrive Girl, nell’ 80 (a 40 anni) scrive Woman……cosa avrebbe scritto adesso a 70 anni?......
E se Michelle va chiaramente in Francia, Girl è diretta in Grecia. La canzone (che ha un testo nient'affatto banale) procede con uno strano ritmo pigro e contagioso, e sul finale, dopo che sfuma 'ultimo coro, entrano due chitarre (una sul canale destro e l'altra sul canale sinistro) che sottolineano la cadenza: è il sirtaki. Infatti l'anno precedente al cinema c'era stato l'enorme successo del film Zorba il greco, con Anthony Quinn, entrato nella storia anche per la celebre musica di Mikis Theodorakis nella scena finale (quando Quinn danza sulla spiaggia). Il sirtaki, contrariamente a quanto si pensa, non è un antico ballo popolare greco, ma è nato proprio nel 1964 con la splendida musica di Theodorakis scritta appositamente per il film. Da allora è diventato talmente popolare da essere inglobato nella cultura greca.
Ricordiamo anche che Anthony Quinn ha avuto l'onore di un altro celebre omaggio, oltre a questo: Bob Dylan, pensando a lui, scriverà nel 1968 The Mighty Quinn (Quinn the eskimo), richiamando il celebre eschimese che Quinn interpretava in Ombre Bianche del 1960.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.


elio1977
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 16
Iscritto il: 15/04/2017, 12:48
Località: Cremona

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da elio1977 » 02/06/2017, 14:25

Senza andare nei dettagli e' un bellissimo album. Cominciano a sentirsi influenze piu ' serie' ma mantiene ancora una freschezza mai banale

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1651
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da aorlansky60 » 09/07/2018, 12:32

Semplicemente : l'album che nel panorama pop-rock del tempo (1965) definì UN NUOVO STANDARD QUALITATIVO nell'ambito [pubblico e ambiente] cui era diretto; come disse un certo Steve Winwood (TRAFFIC) : "L'album che spaccò tutto e conferì un nuovo inizio al pop."

A livello di influenza, pochi altri albums e nomi (DYLAN soprattutto) detengono il primato di questo, in relazione all'anno di pubblicazione (non dimentichiamolo: 1965).

Per quanto riguarda strettamente i BEATLES, il primo album col quale seppelliscono il "beat" degli esordi, in vista di ispirazioni e realizzazioni DECISAMENTE PIU' SOLIDE e CREATIVE.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8156
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: THE BEATLES Rubber Soul

Messaggio da Hairless Heart » 03/12/2020, 18:20

A proposito di anniversari, il 3 dicembre 1965, dunque 55 anni fa, usciva appunto Rubber Soul.

https://www.rollingstone.com/music/musi ... pop-59132/
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Rispondi